Seguici

Calcio

Scuse di Battazza, la Pro Patria replica: “Prendiamo atto”

Patrizia Testa, presidentessa della Pro Patria (foto VareseSport)
Condividi questo articolo sui Social

«Prendiamo atto delle scuse di Battazza, ma ciò non toglie la gravità dei fatti trascorsi.»

Con poche parole Patrizia Testa, presidentessa della Pro Patria, ha replicato alle scuse poste da Angelo Battazza, vicepresidente della Calcio Lecco 1912, dopo lo sfogo avuto in sala stampa da Paolo Di Nunno, presidente della società bluceleste. Tramite una nota apparsa sul sito ufficiale dei biancoblù, la patron bustocca non si è sostanzialmente spostata di una virgola rispetto alla posizione presa all’inizio di questa settimana, quando annunciò l’inizio di un’azione legale contro il pari ruolo bluceleste.

La nota della Pro Patria

Sono giunte in mattinata le pubbliche scuse del vicepresidente del Calcio Lecco 1912, Sig. Angelo Battazza: «La Signora Patrizia Testa ha tutte le ragioni del mondo, il nostro comportamento è stato scorretto. Spero nel suo buon senso: non ci è stato possibile rintracciarla, perché per ora si è negata al telefono. Noi stiamo già pagando molte conseguenze, andare anche in Tribunale non sarebbe una cosa da fare: mettiamoci una pietra sopra e andiamo avanti. Sicuramente la Pro Patria e lei non c’entravano nulla con l’arbitraggio, anche se capisco Di Nunno e la sua arrabbiatura: vuole portare il Lecco in categoria superiore e ha un carattere ‘fumantino’. Alla presidentessa Testa auguro buona fortuna e di vincere il campionato: la Pro Patria ha una grande squadra, può perderlo solo lei» (Fonte: www.calciolecco1912.com)

La presidentessa, Sig.ra Patrizia Testa, replica: «Prendiamo atto delle scuse di Battazza, ma ciò non toglie la gravità dei fatti trascorsi.»

Condividi questo articolo sui Social
.
.
.
.

Lecco Channel Web Radio

LECCO CHANNEL NEWS TV

 

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio