Seguici

Calcio

Stangata su Di Nunno. Informazioni privilegiate per la compravendita di titoli: 200mila euro di multa

Paolo Di Nunno è stato multato pesantemente dalla Consob
Condividi questo articolo sui Social

200mila euro di multa a Di Nunno per aver utilizzato informazioni privilegiate nell’ambito della compravendita di titoli azionari.

E’ pesante la tegola arrivata su sul patron della Calcio Lecco 1912, che ha ricevuto una salatissima sanzione dalla Consob, la Commissione nazionale per la società e la borsa. Come riportato da LeccoToday, la cifra sarebbe dettata dal fatto che Di Nunno avrebbe utilizzato informazioni privilegiate ricevute da Germano Urgeghe, arrestato, casertano ed ex professionista dello Studio Cordeiro Guerra & associati, riguardo la promozione di un’Opa (offerta di pubblico acquisto) volontaria sulla totalità delle azioni Buongiorno, per acquistare 525.901 azioni della stessa società.
La delibera della Consob datata 12 marzo 2018 si riferisce a una vicenda di classico “insider trading”, ovvero proprio l’utilizzo di informazioni privilegiate per acquistare, personalmente o attraverso terzi, azioni della società per cui si acquisiscono le stesse informazioni. Quello di Urenghe è il primo arresto operato in Italia con questa accusa.

I fatti risalgono al 2012, quando Di Nunno e il calcio erano ancora due mondi lontani, e fanno riferimento al lancio di un’Opa sulle azioni Buongiorno da parte del gruppo di telefonia giapponese Ntt Docomo, operazione della quale un gruppo di avvocati e consulenti finanziari era in possesso di informazioni riservate. Informazioni utilizzate per creare un acquisto di azioni a “effetto-domino”, scoperto dagli inquirenti ad anni di distanza.

Leggi l’articolo completo su www.leccotoday.it

Condividi questo articolo sui Social
.
.
.
.

Lecco Channel Web Radio

LECCO CHANNEL NEWS TV

 

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio