24/11/2012, 20:52

Lecco 1977 Volti di una storia Anglo_Italiana


Di: GMazzo

Presentato oggi il libro di Emmanuele Michela "Lecco 1977, volti di una storia anglo-italiana", dedicato agli eroi blucelesti che vinsero la Coppa Anglo-Italiana nell'ormai lontano, ma mai dimentica, 1977.

Oltre naturalmente l'autore, presenti alcuni protagonisti dell'epoca come il Mister Oscar Massei, Paolo Gustinetti, Daniele Cerletti, Giancarlo Tonelli, Roberto Santi, Potito Rota, Giampiero Pozzoli, Rafael Massei, Adelio Filacchione, Fabio Corti Lele Ratti e Martignoni.

La presentazione avvenuta presso la sede della Calcio Lecco, messa gentilmente a disposizione della Società, ha visto la presenza anche del Senatore Antonio Rusconi e dell'Amministratore Delegato Paolo Cesana.

"Prima di tutto mi preme ringraziare tutti i protagonisti - spiega Emmanuele - che su questo libro hanno voluto raccontare la loro storia. é un testo diviso in due parti una prettamente storiografica con dati e la storia delle cinque partite. La seconda parte dedicata ai racconti dei protagonisti".

"Mi unisco ai ringraziamenti - prosegue Rusconi - dell'autore ai protagonisti dell'epoca che hanno contribuito a far grande la storia del Lecco, citando le parole di Piero Volpi il quale disse che quello fu il trofeo più importante che avesse vinto. Dopo questa estate burrascosa ora siamo qui ancora una volta a lottare per altri traguardi che non sono più quelli della salvezza come si poteva pensare ad inizio stagione. Quest'anno festeggiamo i cento anni di questa grande società e sto preparando il festeggiamenti grazie alla collaborazione di Paolo Cesana, Ivan Alborghetti e Aloisio Bonfanti. La prima festa si terrà il giorno dieci di dicembre alla Camera di Commercio di Lecco a partire dalle ore 21. L'altra è prevista per febbraio 2013 con una mostra fotografica presso la Canottieri Lecco. Inoltre già dalla partita di domani potremo annoverare tra i nostri sponsor Acel Service che darà una mano a ricostruire questo Lecco".

"Sto cercando - interviene Cesana - di capire che fine abbia fatto l'originale della coppa. Qualora non si riuscisse a recuperarla si sta lavorando per farne una riproduzione, anche se sarà molto difficile in quanto l'originale fu fatto dall'argentiere della Regina d'Inghilterra, in argento e oro, con delle iscrizioni pressoché impossibili da riprodurre".

Sono poi seguiti i racconti di alcuni aneddoti da parte dei giocatori che parteciparono all'impresa.

[Torna alle news]