Seguici

Calcio Lecco 1912

Lecco, Butti: “Ho voglia ed entusiasmo, qui non &egrave come dalle altre parti”

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 2 minuti

Presentato oggi il neo allenatore del Lecco Giuseppe Butti. A fare gli onori di casa il Presidente della Centobluceleste Antonio Rusconi, e il Responsabile dell’area Tecnica Lele Ratti, anch’egli fresco di nomina.

“Quello di oggi – esordisce Rusconi – è un ritorno alla normalità, vale a dire da parte mia il ritorno al ruolo che mi compete e cioè l’attività di sostegno all’attività della Calcio Lecco. In merito a quanto scritto ieri da un quotidiano (si riferisce a quanto apparso su Leccochannelnews, n.d.r.) voglio precisare  il fatto che per operare non dobbiamo chiedere il permesso all’Amministratore Cesana, ma è anche chiaro che egli sappia cosa accade e cosa si sta facendo al Lecco. Con questo sottolineo che non si vuol dar adito a nessuna polemica, ma è sempre meglio che almeno la proprietà  sia al corrente di quello che stiamo facendo”.

“Siamo convinti – prosegue il Presidente – delle scelte che abbiamo preso, questo pubblico straordinario e i ragazzi che hanno deciso di fermarsi meritano di più di quello che abbiamo fatto. La scelta di Ratti non esclude altri suoi incarichi nel futuro. In un momento come questo, al Lecco servirebbe individuare la figura di un Direttore Generale, più che quella di un Direttore Tecnico”.

Clicca per vedere le immagini della conferenza stampa

Perchè la scelta di Butti? “Semplicemente perchè nei prossimi campionati la valorizzazione dei giovani sarà sempre più decisiva. Riteniamo che rispetto a dei giocatori di valore dello scorso anno che sono stati riconfermati, ad un allenatore con una grande esperienza che conosce bene Mauri e De Ceglie, così come altri giocatori del Lecco, conosce la piazza, la scelta di Butti sia stata la migliore possibile”.

“Ringrazio Rusconi – interviene Ratti – per avermi scelto, sono molto onorato e consapevole delle difficoltà di quest’anno. Sono convintissimo che in una Lega Dilettanti, si debba avere oltre ad un allenatore anche un grande istruttore. La scelta di Butti è principalmente dovuta al fatto che vogliamo essere competitivi nel settore giovanile, anche se  è chiaro che la rosa da completare, ma si provvederà. Per il momento abbiamo tenuto i giocatori su cui Roncari aveva puntato e poi si è cercato con Rusconi di portare persone che non portassero solo competenze, ma che abbiano ancora la capacità di emozionarsi, giocando in uno stadio vero anche se in Serie D”.

Poi è il turno di Butti: “Prima di tutto ringrazio Rusconi per avermi scelto, una persona che conosco da anni e con la quale mai avrei pensato di lavorare. Io ho sempre avuto a che fare con i giovani, principalmente all’Atalanta. Anche per me questa è un’avventura, visto che ormai avevo puntato la mia carriera lavorando con i giovani. Poi quando ho chiuso il rapporto con l’Atalanta mi si sono aperti altri orizzonti e a quel punto ho deciso di provare nuovi stimoli. Quando Rusconi mi ha contattato ci ho pensato e poi ho deciso. Nella vita bisogna anche provare cose nuove, cercare di dare il massimo, metterci la faccia. Adesso conoscerò i ragazzi per poi vedere giocatori di un certo livello per poi iniziare a lavorare e dare il massimo. Quello che mi sento di promettere è di dare il 150%, fermo restando che dovrò adattarmi alla categoria. Mi preme sottolineare che sono sempre stato tifoso delle squadre in cui ho giocato, ma del Lecco, anche se non ho mai avuto a che fare, sono sempre rimasto tifoso e mi è sempre interessato sapere i risultati dei Blucelesti. Se mi avesse chiamato un’altra Società di Serie D non avrei accettato in quanto reputo il Lecco una Società gloriosa, ho accettato di allenare la prima squadra solo perchè è il Lecco”.

Rusconi per quanto riguarda la rosa ci sono delle priorità da risolvere? “Il centrale di difesa e gli Under da inserire sono le priorità assolute. Di classe ‘94 e ‘95 abbiamo già alcuni elementi validi ed il Mister dovrà verificarli, qui la sua conoscenza sarà fondamentale. Esaurite queste priorità ci sono altre esigenze come una seconda punta, che dovrà essere verificata dopo aver risolto le predette priorità. Per il momento è fuori luogo fare dei nomi , abbiamo tante proposte da vagliare. Sicuramente ci sono alcune urgenze di completamento come il fatto che è venuto meno Rudi che ha fatto un’altra scelta. Poi non ci sarà più Sciannamè che non era stato scelto da Roncari, anche se a tal proposito preferisco giocatori a cui non si debba pagare vitto e alloggio”.

Butti ha già un’idea di gioco o un modulo che preferisce? “Certo che ogni allenatore ha le sue impostazioni, anche se i moduli vanno adattati alle caratteristiche dei giocatori. A Bergamo all’inizio abbiamo giocato con il 4-2-3-1, poi abbiamo cambiato. L’idea è di fare un calcio propositivo”.

Le hanno imposto degli obiettivi? “No non mi hanno chiesto niente, anche se l’obiettivo è far meglio dello scorso anno. Starà a noi far bene e portare la gente allo stadio”

Cosa conosce della Serie D? “L’aspetto tecnico conta magari di meno e se non si corre si fa fatica. Datemi tempo e poi tireremo e tirerete le somme”.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio Lecco 1912