Seguici

Calcio Lecco 1912

Calcio, caso Cavalese e Finanza: le precisazioni del Lecco

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 2 minuti

Negli ultimi giorni infervora in città la polemica scaturita dal presunto mancato pagamento da parte della Calcio Lecco 1912 all’Hotel “Bellacosta” di Cavalese, sede del ritiro estivo.

Riassumiamo: il direttore dell’hotel Patanè ha inviato, ad una sola testata locale, un comunicato contenente la sua versione dei fatti, secondo cui la società Calcio Lecco gli avrebbe consegnato un assegno scoperto per saldare la prima tranche del conto, mentre per la seconda (6500€, ndr) la scadenza è prevista per la fine del mese come precisato dal patron Bizzozero. Inoltre, l’incasso del match contro il Monza sarebbe stato messo sotto sequestro per permettere all’hotel di ricevere i soldi concordati.

Da quello che ci risulta, il pagamento è stato regolarizzato dal segretario e amministratore Ivan Corti nei tempi pattuiti con Patanè (60gg dalla consegna dell’assegno), mentre, come detto, la seconda tranche verrà saldata nei tempi previsti.

La società di via Don Pozzi ha inoltre voluto dare la propria versione ufficiale dei fatti sulla presunta visita della Finanza tramite un comunicato stampa:

“A seguito di varie informazioni e messaggi raccolti, frutto di vere e proprie illazioni e dicerie messe in circolazione – si legge – assolutamente prive di alcun fondamento e destabilizzanti per l’ambiente, oltre che lesive per l’immagine della Società, la Calcio Lecco 1912 intende chiarire quanto segue:

Nel corso della gara di Campionato Lecco-Monza, disputata domenica 10 Gennaio ’16 presso lo Stadio “Rigamonti-Ceppi” di Lecco, nessuno ha posto “sotto sequestro” l’incasso della partita stessa, e non si è registrata alcuna visita o indagine investigativa da parte di Agenti della Guardia di Finanza, o di altri soggetti appartenenti ad Autorità Giudiziaria, cosa che peraltro ha trovato conferma attraverso gli Uffici dell’Autorità di Pubblica Sicurezza.

Precisiamo che alla gara erano presenti ben tre commissari di campo, due sul terreno di gioco ed uno in Tribuna, al fine di svolgere come prassi le loro funzioni, secondo i dettami e le normative emanate dagli organi federali competenti. Erano presenti altresì alcuni Agenti della Guardia di Finanza, ma al solo fine di garantire l’Ordine pubblico assieme alle altre Forze dell’Ordine in servizio, come sempre avviene per tutte le manifestazioni ufficiali della Calcio Lecco.

Riteniamo questo intervento doveroso e necessario quale segno di chiarezza e trasparenza dello stato economico-patrimoniale della società.”

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio Lecco 1912