Seguici

Basket

Meneguzzo: «Stagione del Basket Lecco superiore a quella passata»

Massimo Meneguzzo
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 2 minuti

Una stagione da incorniciare e superiore a quella passata, perché nettamente più complicata. Non ha dubbi Massimo Meneguzzo, tecnico del Basket Lecco, nel giudicare l’operato dei suoi giocatori, di se stesso, della società e del suo staff. La squadra bluceleste è giunta sesta nella regular season di serie B, e ai play-off ha trascinato la Comark Bergamo alla terza partita.
«Non potevamo fare di più con le forze che avevamo – spiega il coach – Purtroppo a un certo punto non abbiamo avuto Mascherpa e Piunti per sette settimane, e Balanzoni per tre. Chi ha giocato ha dato tutto ed è arrivato un po’ spremuto a fine stagione. Mettiamoci anche Siberna e Freri impegnati nelle finali nazionali Under 20 con Cantù proprio alla vigilia dell’inizio dei play-off… Io credo che abbiamo fatto una bella impresa a portare Bergamo alla gara decisiva».
Dopo le difficoltà di inizio stagione, il Lecco si è compattato e il lavoro di Meneguzzo sui giovani è emerso in tutta la sua qualità. «Siamo la squadra più giovane dei play-off per età media ed è un bel riconoscimento. Abbiamo compiuto un passo alla volta: l’obiettivo iniziale era salvarci senza i play-out, poi è diventato raggiungere i play-off, quindi fare bella figura».
Lo scorso anno il Lecco giunse alla storica semifinale contro Montichiari, ma quest’anno il piazzamento, forte anche del record in stagione regolare (17 vinte/13 perse), vale di più.

«Le due annate non sono paragonabili – prosegue l’allenatore – Un anno fa avevamo in rosa Andreaus, Capitanelli, Negri e De Angelis, giocatori di spessore tecnico ed esperienza superiori a quelli di quest’anno. Il regolamento impone un minimo di tre Under e noi abbiamo sempre giocato con cinque. La crescita della squadra è stata straordinaria e merita un grande ringraziamento».
Il futuro è un’ipotesi, cantava Enrico Ruggeri. Con un palazzetto del Bione in queste condizioni, c’è una sola, amara certezza. «Se il Lecco vorrà continuare in serie B, non potrà più utilizzarlo. Da tempo aspettiamo invano una soluzione al problema. Io sono disposto a rimanere e proseguire l’opera, mi trovo bene, ma lavoro soltanto sul comparto tecnico-tattico. Spero che si trovi una soluzione sull’impianto di gioco e sugli spogliatoi, che in questi due anni ci hanno penalizzato».

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Basket