Seguici

Basket

Il Basket Lecco di Paternoster: «Nessuna star, si lavora per il compagno»

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 2 minuti

Le idee del coach a livello tecnico sono chiare: equilibrio e predisposizione al sacrificio. «Non avremo giocatori da 30 punti nelle mani, cercheremo di usare fino a dieci elementi del roster»

Antonio Paternoster è pronto a prendere le redini del Basket Lecco. Il nuovo tecnico si è presentato giovedì sera al Bione, lasciando intravedere le caratteristiche della squadra che ha in mente e assaggiando per la prima volta l’aria lecchese.

«Ho sensazioni molto positive, ho trovato una società perfetta con cui c’è empatia – ha spiegato il coach – Stiamo allestendo una squadra “simpatica”, che riparte dalla conferma di Cacace e dall’arrivo di Di Prampero che io conosco bene. Aspettando la conferma di Balanzoni, che ha tante richieste, costruiremo una squadra giovane e dinamica. Noi non ci poniamo limiti, dovremo lavorare tanto e saremo premiati dalle nostre scelte».

Quale sarà il basket che ha in mente Paternoster?
«Un basket in cui tutti devono sentirsi parte integrante del sistema Lecco e della propria identità. I ragazzi dovranno anteporre al proprio io la squadra, voglio giocatori che lavorino per il proprio compagno. Tutti devono essere protagonisti e avere punti delle mani. Non credo avremo uno da 30 punti a partita ma tanto equilibrio. Proveremo a giocare con dieci uomini. Saremo una squadra giovane che dovrà crescere».

Le prime impressioni di Lecco?
«Qui fa molto caldo… Vengo al Nord con sensazioni positive, in un posto incantevole per il poco che ho visto. In questi anni avrò modo e tempo di conoscerlo. Sono una persona fortunata: faccio un lavoro che mi dà sempre la possibilità di conoscere nuovi posti e persone».

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Basket