Seguici

Calcio

Serie D, punticino NibionnOggiono con la Tritium in un match avaro di emozioni

Match sbloccato nella ripresa con Basanisi, ma poco dopo arriva il pari ospite; protagonismo del direttore di gara nel finale, che caccia Panzeri e Isella

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

A Oggiono sono andate in scena partite decisamente più belle rispetto a quella odierna, che ha visto il NibionnOggiono pareggiare 1-1 contro la Tritium. Nel novero totale delle occasioni, l’ago della bilancia pende leggermente dalla parte di Commisso & Co., ma troppo poco per parlare di pareggio risicato.

Nella prima frazione di gara, i migliori pericoli creati passano tutti dai piedi di Castria, autore di un paio di imbucate deliziose per Citterio e Tagliabue, non capitalizzatesi in gol. Prima della mezz’ora c’è l’unica chance ospite, con Aldè murato da Vinci. Ancora Castria al 36′ si libera in bello stile ma conclude alto; subito dopo, grande volata di Isella, ma la retroguardia biancazzurra si salva.

Nella ripresa il NibionnOggiono sblocca la gara con un gol capolavoro, nato da una ripartenza dopo un palo centrato da Marinoni. È ancora Castria a gestire al meglio un pallone e appoggiarlo a Isella, che libera Basanisi con un tocco illuminante, e il numero 8 è freddissimo a trafiggere Acerbis. Secondo gol consecutivo per lui dopo la rete siglata domenica scorsa al Breda contro la Pro Sesto.

Disattenzione letale dei lecchesi al 21′, sorpresi da una punizione nata da un fallo dubbio, che porta alla zuccata vincente di Personè e riporta la Tritium in parità. Trema la traversa di Acerbis su un cross di un generoso di Gambazza al 27′. Gli ingressi di Castagna e Citterio non portano la pericolosità auspicata, ma a regalare la scintilla finale al match, nei minuti di recupero, ci pensa il direttore di gara Garofalo: Panzeri subisce una netta carica, l’arbitro non la sanziona e anzi caccia il terzino lecchese, allontanato con un rosso diretto per proteste. Capitan Isella chiede numi sull’inspiegabile decisione e, già ammonito in precedenza per un abbaglio del direttore, rimedia il secondo giallo. Un atteggiamento incommentabile, dopo una direzione di gara con fischi spesso e volentieri errati su entrambi i fronti.

Ad attendere il NibionnOggiono ora, senza due elementi trainanti come il capitano e il forte terzino, sarà la difficilissima trasferta di Legnano, formazione che non necessita di presentazioni.

NibionnOggiono 1-1 Tritium

Marcatori: Basanisi (10′ st), Personè (21′ st)

NibionnOggiono: Vinci, Panzeri, Gambazza, Tagliabue (34′ st Giugliano), Pirola, Perego, Castria, Basanisi, Citterio (16′ st Losa), Isella, Iori (16′ st Castagna, 48′ st Redaelli). A disp. Guarino, Lazzoni, Loizzo, Bonfanti, Arrigoni. All. Commisso.

Tritium: Acerbis, Sordillo, Caferri, Motta, Bertaglio, Adobati (6′ st Della Volpe), Aldè, Marinoni, Personè (37′ st Campanella), Cascino (32′ st Vitali), Castelli (20′ st Guerrini). A disp. Rota, Russo, Perico, Sofia, Gabellini. All. Sgrò.

Arbitro: sig. Gerardo Garofalo di Torre del Greco (assistenti sigg. Luca Gibin di Chioggia e Paolo Fiorese di Bassano del Grappa)

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio