Seguici

Basket

Costa, coach Seletti: «Squadra vispa, dobbiamo migliorare la fase difensiva»

Il coach dopo il ko all’esordio con la Virtus Bologna: «Abbiamo una formazione intraprendente, in cui ognuna può portare il suo mattoncino e il talento offensivo viene esaltato dai ritmi»

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 2 minuti

Una sconfitta all’esordio è sempre dura da digerire, ma per come è maturata, coach Paolo Seletti può essere comunque soddisfatto: le sue pantere infatti hanno retto bene l’urto della Virtus Bologna, tra le candidate a recitare un ruolo da protagonista della Serie A1 2020/21. La Limonta Sport Costa Masnaga è uscita ko dalla sfida della prima giornata, ma non ridimensionata.

«Abbiamo una squadra vispa e intraprendente, in cui ognuna può portare il suo mattoncino e il talento offensivo viene esaltato dai ritmi – spiega Seletti – Le cose da migliorare sono ovviamente legate alla fase difensiva, dove abbiamo ancora grandi lacune e dove siamo troppo leggere e questo si è visto. Non è così facile e scontato, servirà ancora tanto lavoro. Anche l’anno scorso siamo passati da essere la difesa peggiore del campionato dopo le prime 4-5 partite a una delle più solide prima dello stop per il Coronavirus. Dobbiamo ripeterci, sapendo che siamo una squadra ancora meno esperta».

La Virtus passa a Costa Masnaga 84-95

L’impatto di N’Guessan? «Può essere importante nella misura in cui riesce a darci ritmo difensivo: chiunque riesca a darci questo aspetto, deve avere spazio. Nancy è una che non ha paura di giocare a pallacanestro, ha personalità e da questo punto di vista siamo molto contenti della conferma dei segnali positivi già dati nel precampionato. Il break di 6-0 della Virtus alla fine del secondo quarto? Non è stato certo l’unico parziale che abbiamo preso. Troppi passaggi a vuoto, in parte dettati da nostre palle perse e in parte da una copertura dell’area insufficiente. Giocavamo contro una squadra che sapevamo avere nell’area il suo punto di forza e che non ama tirare tanto da tre punti: noi gli abbiamo permesso di fare esattamente quello che era nelle loro corde. Non è tanto questione di break: siamo rimasti disperatamente agganciati alla partita provando a tenere con l’attacco, laddove poi in difesa abbiamo preso ripetutamente canestro da sotto in quasi tutte le azioni».

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Basket