Seguici

Calcio

Pagelle | Passa il tempo, cresce il Lecco: in casa è un’altra vita. Ok Iocolano, ma Foglia e Bolzoni sono una diga. Ok gli attaccanti e Masini

I due compongono una cerniera che, una volta trovate le misure, non concede che le briciole al Livorno. Labronici volitivi, ma la qualità è poca

Fabio Foglia, in primo piano, e Francesco Bolzoni BONACINA/LCN SPORT
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Calcio Lecco 1912 voto 6,5: venti minuti contratti, poi un crescendo che si concretizza nell’autogol di Stancampiano. In casa è tutta un’altra squadra, sotto tutti i punti di vista.

Pissardo 6: un intervento complesso in avvio, poi tanta gestione. Giornata da rivedere per i rinvii.

Celjak 6: si limita a presidiare la propria zona di campo e lo fa bene.

Marzorati 6: il Livorno gira più spesso per vie centrali, ma non ha particolare fortuna.

Cauz 6: come Celjak, spesso e volentieri deve limitarsi al presidio della sua zona di campo.

Nesta 6: non una grande partita, ma ha l’attenuante del mal di schiena che ne limita il rendimento.

(dal 1′ st Masini 6,5: sarà l’adrenalina del debutto, ma disputa un tempo di grande solidità ed efficienza).

Bolzoni 6,5: lui e Foglia sono spesso presi in mezzo da due giocatori, ma riescono a galleggiare all’inizio e dominare poi.

Foglia 6,5: come sopra. Resiste e poi cresce.

(dal 42′ st Emmausso 6: due palle toccate, un gol sfiorato. Entra con la giusta mentalità, bravo).

Capoferri 6: torna titolare e torna nel suo ruolo naturale. Solido, praticamente come sempre.

Iocolano 7: due tiri, un autogol procurato e un palo sfortunato. Poi aperture, tocchi di classe, un gol annullato e la ferrea certezza che possa sempre far male con il pallone tra i piedi.

(dal 42′ st Moleri 6: minuti non banali dopo tanto tempo senza campo. Animo lecchese).

Mastroianni 6,5: non era titolare dallo scorso 13 dicembre, una vita fa. Fa una partita sporca, al servizio della squadra, prendendo ogni singolo pallone che gli viaggia sopra la testa, tra cui quello che Iocolano trasforma in oro.

(dal 21′ st Capogna 6,5: svaria tanto e offre palloni interessanti, tra cui quello che Iocolano mette in fondo al sacco, purtroppo invano).

Mangni 6,5: anche lui torna titolare dopo tanto tempo e si fa valere in maniera importante. Confidiamo in un problema muscolare da poco.

(dal 28′ st Marotta 6: dentro in un centrocampo a tre uomini può correre con più libertà. Libertà che sembra fargli bene).

All. D’Agostino 6,5: una gara ben interpretata dal 20′ in poi, quando la squadra trova le misure per contrastare il centrocampo ospite. Questa mentalità ora va trasportata fuori dalla comfort zone.

Livorno 5,5: i giocatori di Dal Canto ci mettono tanta buona volontà, ma la qualità a disposizione è troppo poca, oltre che quasi tutta nei piedi di Mazzarani. Occhio a darli per morti prima del tempo.

Stancampiano 5,5; Marie Sainte 5,5, Sosa 5,5, Gemignani 6 (dal 1′ s.t. Nunziatini 5,5); Parisi 5,5, Bussaglia 6 (dal 30′ s.t. Pallecchi 6), Piccoli 5 (dal 42′ s.t. Caia sv), Haoudi 6,5, Evan’s 6 (dal 32′ s.t. Fremura 6); Mazzarani 6,5, Canessa 5,5. All. Dal Canto 6,5.

Arbitro sig. William Villa di Rimini 6: gara gestita in modo razionale. Se ci fosse un errore di valutazione sulla rete annullata a Iocolano, sicuramente non avrebbe colpe.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio