Seguici

Calcio

Verso Lecco-FeralpiSalò, Zironelli: «Bel feeling con i tifosi. Non dobbiamo rilassarci e guardare troppo in là»

I blucelesti riceveranno una squadra obbligata a fare punti dopo una partenza con il freno a mano un po’ tirato. Galli, Sparandeo e Purro ancora sicuri assenti

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 4 minuti

Primo big match interno della stagione per la Calcio Lecco 1912. All’ombra del Resegone è attesa una FeralpiSalò certamente forte, ma partita un po’ con il freno a mano tirato: 4 punti in campionato, sconfitta in Coppa con la Juventus U23. La mano molto esperta di mister Stefano Vecchi non è ancora riuscita a plasmare fino in fondo l’identità di una squadra all’interno della quale soprattutto il reparto difensivo avrà bisogno di un po’ di tempo per trovare la quadra. Di pezzi da novanta ce ne sono un po’ in tutte le zone, ma l’assenza di un perno importante di Luca Guidetti sicuramente imporrà qualche riflessione in più. Dal canto suo, invece, mister Mauro Zironelli ha intorno grande entusiasmo dopo le strameritate vittorie ottenute ai danni di Legnago e Giana Erminio; è il modo, più che il mero risultato, in cui sono arrivate a tenere alto l’umore della banda bluceleste.

Verso Lecco-FeralpiSalò: la conferenza di mister Mauro Zironelli

Mister, c’è di fronte un test di quelli importanti:
«La FeralpiSalò è ben costruita, noi dovremo portare avanti il nostro momento. Ci sarà da lottare, stiamo proseguendo nel nostro programma e si è visto qualcosina durante l’ultima partita. Non possiamo rilassarci, è solo la quarta partita; i ragazzi stanno mettendo il loro mattoncino andando forte, rendendosi conto che stanno cominciando a capire».

Torna il pubblico della Curva Nord:
«Il feeling che sta nascendo è bello e positivo. Si stanno rendendo conto che i ragazzi stanno correndo su tutti i palloni, gli striscioni trovati fuori dallo stadio trovano l’adrenalina necessaria dopo tanto tempo da soli».

Assenti e presenti:
«Sparandeo, Purro e Galli non saranno della gara, gli altri saranno a disposizione».

Prossime nove partite:
«Pensare a lungo periodo è sempre sbagliato perché ti leva energie. Le dobbiamo affrontare tutte, il nostro pensiero dev’essere quello di portare tutti i giocatori in condizione, soprattutto in vista dell’infrasettimanale. Gli ultimi arrivati sicuramente non sono al livello di chi è arrivato subito, ma ognuno deve portare il proprio mattoncino quando serve. Pensiamo partita per partita, è la cosa fondamentale».

Squadra che vince non si cambia?
«È giusto dare continuità, siamo contenti di questo momento positivo e la società ci è vicina, dai direttori al patron. Siamo grati a lui, avrà dei difetti ma quando parla è sempre di parola e lo sta facendo ulteriormente in questi giorni».

FeralpiSalò partita non benissimo:
«A inizio campionato è normale che non ci sia una squadra già in forma, è comune per tutte le categorie. Si stanno mettendo in ordine, ma noi dobbiamo proseguire sulla nostra identità, che abbiamo iniziato a far vedere ma non è ancora niente. Ho un gruppo che mi sta seguendo molto bene e ha feeling con i tifosi, il bello è questo».

Quando si vedranno i reali valori del campionato?
«Dopo le prime dieci partite si potrà guardare la classifica. Il nostro momento è positivo, ma siamo ancora all’inizio».

Come sta Morosini?
«Lui, Ganz, Sparandeo e Di Munno sono indietro, ma li stiamo aspettando e non vanno caricati di responsabilità proprio perché non sono al meglio. Si rendono conto anche loro di avere a fianco giocatori ormai in forma, ma si allenano con tanto entusiasmo e il loro apporto ci sarà al momento giusto. Non aspettiamoci eroi, anche perché sono morti tutti…».

Consapevolezza in aumento?
«Quando ti escono le giocate è normale che il giocatore prenda fiducia, vede diventare concreto il proprio gesto tecnico. Il gruppo si forma lì, l’allenatore deve far rendere conto al giocatore del proprio valore ogni giorno».

Qualcosa di particolare per Miracoli?
«L’avrà studiato Pissardo sui rigori… È un giocatore che ha sempre fatto bene in categoria, ma anche Guerra merita grande rispetto. Come tutti gli altri hanno due gambe e due braccia, vanno affrontati con spirito, dedizione ed entusiasmo che arriverà dall’ambiente: quando dai tutto per la maglia, nessuno può dirti qualcosa».

Lecco-FeralpiSalò: i convocati

Sempre assenti Giorgio Galli, Luca Sparandeo ed Ermes Purro. 24 i giocatori convocati da mister Mauro Zironelli.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio