Seguici

Calcio

Calcio Lecco: multe e squalifiche dopo il Trento, elenco chilometrico. Il Südtirol perde la colonna Rover

Pesano tanto le decisioni dell’inadeguato arbitro Andreano di Prato, che ha estratto ben tre volte il cartellino rosso. Ma sale il conto delle multe affibbiate alla società

Samuele Andreano espelle Luca Sparandeo BONACINA/LCN SPORT
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 4 minuti

Multe e squalifiche. È chilometrico il bollettino in casa bluceleste dopo Lecco-Trento. Come deliberato dal Giudice Sportivo Stefano Palazzi, assistito da Irene Papi e dal Rappresentante dell’A.I.A. Silvano Torrini nelle sedute del 28 e 29 marzo, mister Luciano De Paola non potrà contare su Aljosa Vasic e Luca Sparandeo durante la sfida alla capolista Südtirol, ma anche il diesse Domenico Fracchiolla, a sua volta espulso dall’inadeguato direttore di gara Samuele Andreano della sezione di Prato, dovrà saltare l’appuntamento e farà rientro in panchina per la partita interna con il Piacenza. Società, dirigente e Chiara Airoldi, medico sociale bluceleste raggiunta da insulti e sputi dopo essere entrata in campo per soccorrere Marco Pissardo, sono stati multati per complessivi duemila euro, che porta il totale delle sanzioni a 17mila e 500 euro. Ricordiamo i diffidati, che sono Erdis Kraja, Jonathan Italeng, Mattia Tordini e Lino Marzorati. Multa di 1.500 euro anche per il Trento, squalificato l’attaccante bolzanino Matteo Rover (33 partite, 6 gol e 1 assist), colonna della rosa di mister Ivan Javorcic.

Post Lecco-Trento: le squalifiche di Fracchiolla, Sparandeo e Vasic

SOCIETÀ
AMMENDA
€ 1500 TRENTO

  1. per fatti contrari alle norme in materia di ordine e di sicurezza e per fatti violenti commessi dai suoi sostenitori occupanti il settore loro riservato, integranti pericolo per l’incolumità pubblica, consistiti nell’avere fatto esplodere un petardo di media potenza, al 1°minuto del primo tempo;
  2. per avere, al 50°minuto del secondo tempo circa, alcuni suoi sostenitori dapprima proferito ripetutamente grida oltraggiose nei confronti del Medico della Società avversaria e, successivamente, in conseguenza di un gesto della predetta tesserata, inseguita lungo la rete di recinzione e ripetuto altre grida oltraggiose nei suoi confronti.

Ritenuta la continuazione, misura della sanzione in applicazione degli artt. 6, 13, comma 2, 25 e 26 C.G.S, valutate le modalità complessive dei fatti, rilevato che non si sono verificate conseguenze dannose in conseguenza dello scoppio del petardo e considerato, da un lato, l’odiosità degli insulti proferiti e, dall’altro, che la Società sanzionata disputava la gara in trasferta (r. proc. fed, r. c.c.). 

€ 1000 LECCO per avere i suoi sostenitori intonato cori oltraggiosi nei confronti degli Ufficiali di gara, dei Componenti la Procura federale, dei tesserati posizionati sulla panchina avversaria e dei calciatori della Società ospitata, in particolare:

  1. negli ultimi quindici minuti della partita, ed in particolare tra il 45° e il 53°minuto del secondo tempo, una quindicina di sostenitori del LECCO lasciava la “Tribuna” portandosi a ridosso della rete di recinzione che divide tale settore dal recinto di gioco e alcuni di essi proferivano parole aggressive ed offensive all’indirizzo degli Ufficiali di gara, dei componenti la panchina del TRENTO e di un componente la Procura federale;
  2. al termine dell’incontro, mentre la squadra del TRENTO stava imboccando il sottopassaggio che conduce agli spogliatoi, numerosi sostenitori del LECCO presenti in “Curva Nord” e nei “Distinti”, settori contigui al suddetto tunnel, proferivano parole aggressive, minacciose ed offensive nei confronti dei tesserati ospitati.

Ritenuta la continuazione, misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 25, comma 3, C.G.S. (r.proc. fed.).

DIRIGENTI ESPULSI
INIBIZIONE A SVOLGERE OGNI ATTIVITA’ IN SENO ALLA F.I.G.C., A RICOPRIRE CARICHE FEDERALI ED A RAPPRESENTARE LA SOCIETA’ NELL’AMBITO FEDERALE A TUTTO IL 5 APRILE 2022 ED € 500 DI AMMENDA
FRACCHIOLLA DOMENICO (LECCO) 
per avere, al 48°minuto del secondo tempo, tenuto un comportamento irriguardoso nei confronti della Squadra Arbitrale, in quanto si alzava in piedi e con gesti plateali di dissenso pronunciava al loro indirizzo una frase irrispettosa. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 13, comma 2, e 36, comma 2, lett. a) C.G.S., valutate le modalità complessive dei fatti e la funzione ricoperta di dirigente addetto all’arbitro (r. IV. ufficiale). 

AMMONIZIONE (I INFR) 
FRACCHIOLLA DOMENICO (LECCO) 

MEDICI NON ESPULSI 
AMMENDA
€ 500 AIROLDI CHIARA (LECCO) 
per avere tenuto, al 50° minuto del secondo tempo, un comportamento non corretto ed ingiurioso nei confronti di alcuni sostenitori della Squadra ospitata posizionati nella Curva Sud, rispondendo alle offese proferite dagli stessi con un gesto offensivo ripetuto in due occasioni, dopo avere prestato le cure mediche ad un calciatore della Società di appartenenza. Misura della sanzione in applicazione degli artt. 4 e 13, comma 2, codice giustizia sportiva, valutate le modalità complessiva dei fatti e considerati la provocazione subita dai tifosi avversari, da una parte, e il ruolo ricoperto, dall’altra. (r.proc. fed.). 

CALCIATORI ESPULSI 
SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA PER DOPPIA AMMONIZIONE 
SPARANDEO LUCA (LECCO) 
VASIC ALJOSA (LECCO) 

CALCIATORI NON ESPULSI
SQUALIFICA PER UNA GARA EFFETTIVA PER RECIDIVITA’ IN AMMONIZIONE (V INFR)
ROVER MATTEO (SUDTIROL)

AMMONIZIONE CON DIFFIDA (IV INFR)
DAVÌ SIMONE (SUDTIROL) 

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio