Seguici

Calcio

Il terzo Lecco-Pro Patria, De Paola: «Siamo carichi, fiducia ai giocatori esperti». Di Nunno allo stadio, «grande piacere»

Scontro senza domani per i blucelesti, che daranno vita all’ennesimo scontro diretto contro i bustocchi. Le Aquile avranno a disposizione due risultati su tre

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 4 minuti

Aria di grande appuntamento al “Rigamonti-Ceppi”. La Calcio Lecco 1912 riceve la Pro Patria per la seconda volta in stagione, la terza complessiva considerando il match dello “Speroni” (1-1); l’altro precedente, invece, è benaugurante: 3-0 secco sotto la gestione Zironelli. Oggi sulla panchina bluceleste siede mister Luciano De Paola, che ha condotto il gruppo a una salvezza conquistata con ampio anticipo e a un bel sesto posto finale. Ora si tratta di tutt’altra vita: due risultati su tre a disposizione delle Aquile, ma anche uno scontro senza domani per entrambe le compagini. In palio il Lecco ha uno scontro una tra Pro Vercelli, Juventus U23 o Piacenza. Alla rifinitura ha presenziato anche la proprietà Di Nunno e il patron ha spiegato di non essere prossimo alla cessione della società come, invece, si sente spesso dire.

I Di Nunno in visita allo stadio

Verso Lecco-Pro Patria: le parole di mister Luciano De Paola

Mister, avete ritrovato il vostro spirito battagliero?
«Martedì ho fatto i complimenti ai ragazzi per il percorso. Ora arriva una partita importante, ci teniamo moltissimo a passare il turno: ci ha fatto un grandissimo piacere la presenza del presidente allo stadio, una cosa molto positiva e apprezzata. Il gesto ci porterà energia positiva, siamo carichissimi e sappiamo di dover passare il turno. Siamo concentrati e cattivi, troviamo una squadra che sta molto bene».

Come giudichi la Pro Patria?
«Dopo un periodo non bello si sono risollevati grazie al cambio di allenatore, li rispettiamo ma non temiamo assolutamente».

Puoi schierare una formazione quasi ideale:
«Metterò in campo una squadra più esperta rispetto al solito, i giocatori più anziani sono stati il traino del gruppo. Da Battistini, a Celjak, Merli Sala, Marzorati e via dicendo dovranno darci una grande mano. Il centrocampo sarà giovane e forte, davanti ci sarà Ganz con Nepi perché ci hanno fatto fare tanti punti in questo periodo».

Sulla presunta assenza di Piu:
«Io non faccio quasi mai pretattica, m’interessa poco. La squadra ha recuperato autostima e sa di dover avere il fuoco dentro, sappiamo quanto città e società ci tengano. Con le buone o con le cattive, ma dobbiamo passare».

Ganz ha 6 partite e 5 gol nei play off:
«Sta bene, ha voglia come tutti. Sono bello carico anche io, vorrei scendere in campo perchè sono partite importanti: vale come Manchester City-Real Madrid. Abbiamo fatto una buona torta, ci manca la ciliegina».

È scoppiato nuovamente l’entusiasmo?
«Nelle ultime tre partite la prestazione c’è sempre stata, con errori individuali che ci hanno impedito di vincere. Abbiamo lavorato su autostima, concentrazione e cattiveria, con la voglia di spaccare tutto. Lo ripeto, la presenza del presidente ci ha caricato: non ha voglia di mollare, ma di andare avanti. Noi dobbiamo massacrare, sportivamente parlando, la Pro Patria».

Sull’arbitro:
«Con il Südtirol ci è piaciuto molto, ho visto un arbitro preparato e sono fiducioso. Noi dobbiamo pensare a giocare».

Sulla Pro Patria:
«Squadra che mi piace, con un giocatore forte come Pierozzi, ma sinceramente penso che i miei ragazzi devono entrare in campo con la cazzimma giusta».

Verso Lecco-Pro Patria: i convocati di mister Luciano De Paola

De Paola dovrà certamente rinunciare a Gian Marco Nesta e Luca Giudici, entrambi infortunati al pari di Giorgio Galli. Rientra dopo tre mesi Eyob Zambataro, che ha recuperato dallo strappo muscolare e ha svolto tutta la settimana di lavoro insieme alla squadra. Non convocato Antonio Reda, convocato Nicolò Buso.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio