Seguici

Altro

Tennis, che 2016 per Vitari: «Il segreto è la passione»

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 2 minuti

Una stagione da protagonista. Jonata Vitari, classe 1978, è come il buon vino: migliora con il passare degli anni.
Il portacolori del Tennis Club Lecco si divide fra attività agonistica e didattica, in qualità di istruttore alla Scuola di avviamento al tennis scattata lo scorso 3 ottobre. In questo 2016, per “Jonny” è arrivato il primo punto Atp, grazie alle numerose finali disputate a livello Open: cinque, di cui due vinte, a Saronno e a Basiglio nel Rodeo di assegnazione delle wild card per il Futures Itf.
«La stagione è stata molto buona – spiega Vitari – Ho ottenuto buonissimi risultati. Oltre ai due successi, anche tre finali disputate, ad Albenga, a San Paolo d’Argon e l’ultima, a Lainate, contro Marco Crugnola, che avevo battuto in estate a Valmadrera».
Ci sono possibilità di risalire in classifica.
«Ero 2.4 prima di questi risultati, adesso ho margine per tornare 2.3. Attendo gli aggiornamenti».
Come si fa a restare tanto competitivi alla tua età?
«Ormai gioco da talmente tanti anni che a livello tecnico non c’è molto da migliorare. Se posso, ogni tanto mi butto in campo contro i ragazzi, ma faccio affidamento quasi solo sulla preparazione atletica, lavorando un’ora ogni mattina con Mattia Bertani, che mi dà una grossa mano».
Poi c’è l’attività da maestro, a contatto con i giovani che sognano di ripercorrere le tue gesta. Il futuro è questo?
«Ho lavorato molto, in passato, per realizzare l’obiettivo di dedicarmi alla parte tecnica, seguendo i ragazzi e dando loro il mio apporto. Ho tanto da trasmettere, è per questo che gioco ancora a tennis».

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Altro