Seguici

Calcio

Post partita | Zironelli: «Pagata la batosta con il Renate. Lavorare sulla testa». Marzorati: «Non capiamo i momenti». Lucchini: «Grande prova»

Lucida l’analisi del tecnico bluceleste e del capitano di giornata: Lecco troppo brutto per essere vero al “Voltini”. Logicamente soddisfatto il tecnico di casa

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 7 minuti

Altra serata amara per la Calcio Lecco 1912, che sul campo della Pergolettese scarica tutti i problemi del post Renate e accusa un passaggio a vuoto. Lo scarto del “Voltini” è minimo, ma i padroni di casa hanno legittimato il vantaggio ottenuto in avvio grazie a una bella stoccata di Filippo Scardina, mentre i blucelesti hanno avuto modo di recriminare per un fallo di mano in area su un calcio di punizione di Simone Iocolano da collocare nella fase finale della gara. Veramente troppo poco, comunque, per una squadra che a Crema avrebbe dovuto riprendersi quanto lasciato per strada nel posticipo di giovedì sera. Invece i pericoli creati dalle parti di Galeotti sono stati nulli o giù di lì, limitati a una buona quantità di cross buttati dentro e a qualche conclusione dal limite dell’area senza conseguenze. Schietta, come di consueto, l’analisi di mister Mauro Zironelli e Lino Marzorati, che non hanno nascosto la palese fase di difficoltà vissuta dalla squadra.

Pergolettese-Lecco: le parole di mister Mauro Zironelli

Mister, faticate a ritrovare il bandolo della matassa:
«Si, nel primo tempo abbiamo faticato a ribattere il loro vantaggio. Nella ripresa abbiamo fatto meglio, ma siamo stati meno brillanti del solito. Quella con il Renate è stata una bella mazzata a livello psicologico e si è visto, nei primi 20’ sembravamo fermi. Mi dispiace solo per la punizione di Iocolano fermata con la mano, è l’unica cosa che ci è capitata».

Sul cambio di formazione:
«Ci sta, avevamo un giorno in meno di riposo. Rimane il fatto che siamo stati meno precisi e brillanti anche solo rispetto a giovedì; un punto in tre partite non è niente rispetto a quanto seminato, ma bisogna resecare velocemente e fare una bella settimana. Ci serve una scossa per ritrovare la verve e l’entusiasmo che nel giro di una settimana s’è perso. Dopo aver battuto il Padova non siamo stati più quelli mentalmente».

Il Lecco due non ti ha dato una mano:
«Difficile, Morosini dei tre davanti è stato il più brillante. Fare dei cambi è normale, ho pensato di dare vitalità ma questa si è vista poco, ma la squadra ha servito poco le punte. Abbiamo davanti una settimana normale, dobbiamo sistemarci bene e riprendere i ritmi che avevamo in precedenza, quando abbiamo fatto grandi partite e abbiamo raccolto poco. Bisogna essere più realisti e cercare di capire che dopo il Padova non abbiamo dimostrato di essere all’altezza».

Si è visto subito che sarebbe stata una brutta partita:
«Non mi nascondo dietro un dito o cavolate, ma l’episodio di Iocolano dà fastidio perché sarebbe potuto essere un episodio importante a pochi minuti dalla fine».

Il lavoro dovrà essere mentale:
«Può succedere di perdere le partite per due errori individuali, ma dobbiamo reagire perché stasera non l’abbiamo fatto. Nei momenti di difficoltà non siamo stati constanti e questa è una cosa da migliorare attraverso il lavoro».

Pesa l’assenza di Tordini?
«Qualcosa ci manca, ma anche dalla panchina sono entrati in bene, ma un po’ tutti non siamo stati quelli soliti. Dobbiamo fermarci un attimo e pensare bene, dovrò cercare di toccare i tasti giusti per trovare questa reazione: mi dà fastidio fare una grande prova con il Padova e poi non trovare continuità nei risultati. Non si possono prendere 5-6 gol dalla destra, prima o poi qualcosa può anche capitare».

Mai andati in fuorigioco: è sintomatico?
«Non ci davano profondità, le palle per le punte sono arrivate in diagonale e non in orizzontale. La precisione è mancata lì, dobbiamo lavorare sulla troppa frenesia perché Masini ed Enrici hanno dovuto giocare tanti palloni e non hanno la lucidità dei giocatori più esperti come Marzorati e Battistini, che hanno fatto una buona partita».

Manca il contributo di Petrovic, Mastroianni, Morosini?
«Fare nomi e cognomi non va bene, bisogna uscire da questa situazione tutti insieme. Normale che non aver fatto la preparazione penalizza qualche giocatore, ma questo è il momento di accelerare perché è giusto il momento di tirarci fuori; il tempo per recuperare c’è tutto, alti e bassi ci sono anche altrove».

Come mai Morosini dietro le due punte?
«Iocolano era affaticato e Tommaso sta alzando il ritmo in settimana. Ha ancora parecchio margine di miglioramento, non è mai riuscito a liberarsi perché la profondità non ce l’hanno mai concessa; nella ripresa siamo migliorati, ma anche in questo caso gli errori sono stati anche per una questione di lucidità».

Di Munno per la prima volta: non male.
«Gli ho chiesto di essere più preciso nel servizio per Iocolano. Il giocatore è da tenere in considerazione, ha anche un buon tiro dal limite, non era facile far buone cose all’esordio».

Pergolettese-Lecco: le parole di Lino Marzorati

Lino, un’ottima partita ma il Lecco ha fatto il gambero:
«Oggi ci aspettavamo una reazione dopo la sconfitta persa con il Renate. Mi aspettavo di più, ma purtroppo non riusciamo a leggere le partite e a capire i momenti della gara, se prendi gol diventa tutto più difficile. Nel primo tempo abbiamo rischiato molto, nella ripresa abbiamo fatto un po’ meglio ma di occasioni ne abbiamo avute veramente poche. Dobbiamo svoltare, sono già tre partite che non riusciamo a vincere e dobbiamo».

Non un problema fisico:
«Fatichiamo a gestire i momenti, il mister cerca di darci delle idee ma poi entriamo noi in campo e dobbiamo migliorare veramente molto».

Devono essere gli esperti a suonare la carica:
«Dobbiamo tirare un po’ noi la squadra, senza lasciare niente al caso perché anche un punto sarebbe andato bene. È tempo di tornare a fare punti perché altrimenti si rischia di andare dall’altra parte della classifica».

Sul gol un errore di marcatura?
«In questo momento fatichiamo sulle palle che arrivano sul secondo palo, facciamo fatica a capire i movimenti degli attaccanti e sulle palle inattive siamo deconcentrati. Questo non va bene».

Pergolettese-Lecco: le parole di mister Stefano Lucchini

Sulla partita:
«Le critiche probabilmente ci sono servite, perché oggi abbiamo fatto una grande prestazione. Schemi? Fare due gol consecutivi su schemi fatti in allenamento sarebbe stato troppo bello, ma sono soddisfatto della prova perché abbiamo giocato contro una squadra forte e non era facile fare questa gara contro una squadra forte».

Dopo l’Albinoleffe, battuto il Lecco senza concedere reti:
«Subiamo tanti gol e non è una cosa positiva, ma la partita di Fiorenzuola ha portato tantissime critiche e mi dispiace, perché siamo stati sempre in partita concedendo veramente poco. Ci prendiamo tutte le responsabilità del caso, ma abbiamo dimostrato di avere sotto qualcosa d’importantee».

Vittoria importante:
«È per la squadra e per i ragazzi, perchè non è stata facile. A Fiorenzuola nessuno ha visto la prestazione eppure c’era stata; oggi era da dentro fuori, il rischio era di ritrovarsi all’ultimo posto».

Miglior partita della stagione per intensità:
«Vuol dire che il lavoro del preparatore è buono. Perchè in altri casi non è successo? Dipende anche dall’avversario, la partita di stasera è stata diversa da altre, ogni volta l’avversario cambia».

Merito anche del Lecco?
«Ha dimostrato di essere un’ottima squadra, ma creare di più rischiando pochissimo è una nota di merito per questa squadra e questi ragazzi. Cosa ci manca? Continuità di risultati, a volte le sconfitte passano per figlie delle non prestazioni ma non è così: a Padova un errore c’è stata una sconfitta, a Seregno segnare dopo 1’30” ci avrebbe fatto vivere un’altra partita, mercoledì abbiamo fatto un’ottima gara e abbiamo dato continuità alla settimana con delle buone prestazioni».

Pergolettese senza gol subiti:
«Tra Albinoleffe e Lecco abbiamo concesso solo un’occasione agli avversari. Sono stati bravi i ragazzi a essere compatti e concedere poco sulle tante palle sporche arrivare in area».

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio