Seguici

Basket

E’ Antonio Tritto il nuovo Head Coach del Basket Lecco

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 4 minuti

Ore 20,00, primo giorno di lavoro al Basket Lecco per Antonio Tritto che questa sera ha preso il posto dell’esonerato Garetto ed i primi contatti con la Società ed i giocatori. Con questo cambiamento la Dirigenza ha voluto dare una scossa a tutto l’ambiente, perchè occorre ricordarlo l’aver esonerato il coach della promozione in DNB è stata una decisione importante che necessariamente dovrà dare i suoi frutti.

La carriera

Antonio Tritto, Nato a Desio il 4/6/1966,ha guidato nella stagione 2009/2010 la Nobili Castelletto Ticino in serie A Dilettanti: settimo posto in regular season (30 punti) con un girone di ritorno da record e quarti di finale con la Fortitudo Bologna battuta in gara-2. Tritto ha passato a Desio alcuni anni, alle stagioni 1996/97 e 1997/98 dove fu vice in prima squadra di Martelossi e allenò i gruppi giovanili Juniores e Cadetti. Poi un anno alla Posal Sesto San Giovanni, due a Castelletto Ticino in B2 (due finali e una promozione in B1), due a Como (una promozione in B2), Borgomanero, Cantù in C1, ancora due anni a Borgomanero (una finale playoff), Saronno, Como e, appunto, Castelletto. Infine ha guidato l’Aurora Desio nelle stagio dal 2010 fino al 2012. Antonio Tritto, Nato a Desio il 4/6/1966, è stato in forza all’Aurora Desio fino alla fine della scorsa stagione 2011/2012.

Tritto la sua ultima esperienza da allenatore l’ha avuta a Desio, oggi è qui al basket Lecco: “Sì sono Nato e cresciuto a Desio, in pratica un desiano doc. Quella di andare lì è stata anche una scelta di cuore ed a Desio ho passato due bellissimi anni, grazie anche al fatto che ho coronato una specie di sogno e cioè di giocare ed allenare nel proprio paese. Purtroppo non ho potuto proseguire il rapporto di collaborazione, ma adesso quello che conta è essere qui a Lecco. La proposta del Presidente Tallarita è stata interessante e l’ho sposata subito. Ho trovato un gruppo dirigente molto appassionato, che lavora con il cuore”.

Come mai la scelta è caduta su Lecco? “Prima di tutto sono contento di tornare ad allenare, anche se qui so che si sta attraversando un periodo difficile. Quello di DNB è un campionato duro, in cui tutte le squadre possono vincere con chiunque, dove non puoi mai dare niente per scontato e dove non vi è una netta superiorità di una squadra rispetto ad un’altra e puoi sempre perdere con chiunque”.

Oggi è il primo allenamento, come ha trovato la squadra? “E’ chiaro che se vi è stato un cambio di allenatore dei problemi ci sono. Il momento è difficile, speriamo di riuscire a portare entusiasmo, voglia, determinazione ed ottenere quelle vittorie che ci mancano. “.

Cosa conosce di questo campionato? “Ebbene essendo spesso in Franciacorta ho visto pressochè tutte le partite di Monticelli. La nostra è una squadra competitiva, con i mezzi e gli uomini per stare in questo campionato e francamente non ho capito perche si trova in questa situazione. Questa sera ho visto voglia ed intensità, la volontà di correggersi sugli errori. E’ chiaro siamo agli inizi e come ogni il cambio c’è bisogno di un tempo fisiologico. Mi auguro che il tempo per affiatarsi sia breve e si possa essere pronti fin da subito”.

Ha in mente qualcosa di particolare? “Nei momenti di difficoltà nella pallacanestro ci si deve affidare alle cose semplici, che se ti riescono servono per dare subito entusiasmo, ti permettono di risalire la china”.

Ha intenzione di parlare con ogni singolo giocatore? “Sono abituato a parlare spesso a parlare con i giocatori e questo mi serve per avere le idee chiare su quello che si chiede. E’ evidente che per far questo ci vuole un pò di tempo, sono solo arrivato oggi, ma comunque voglio capire i punti deboli di ogni giocatore per uscire da questo stato di ansia perenne”.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Basket