Seguici

Calcio

Calcio Lecco, si presenta Tesini: «Con Gaburro e Brambilla conoscenza di vecchia data». Maiolo: «Mister confermato da mesi»

Il nuovo Direttore Sportivo bluceleste è stato presentato al “Rigamonti-Ceppi” dal Direttore Generale: «La mia conferma? Chiedete al Presidente…»

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 2 minuti

Atteso, aspettato, pomo di concordia e discordia sino a un tutt’altro che remoto punto di rottura. Risponde al nome di Mario Tesini il nome del nuovo Direttore Sportivo della Calcio Lecco 1912, carica che torna a essere ricoperta dopo la pessima relazione tra i blucelesti ed Erminio Gizzarelli, prima allontanatosi e poi dimessosi a cavallo tra 2017 e 2018.

Nato a Villafranca di Verona il 27 settembre 1976, Tesini si è laureato in Scienze Motorie a Verona nel 2003. Nel 2007 ha frequentato il Master presso la FIGC di Roma in Marketing, Diritto ed Economia dello Sport. Sposato con tre figli, prenderà in mano le redini della parte sportiva.

Nel primo pomeriggio di venerdì Tesini ha mosso i suoi primi passi da DS, dando degli ottimi spunti nel corso della canonica conferenza stampa di presentazione. Ad annunciarlo è stato il Direttore Generale Angelo Maiolo: «La scelta di Tesini è stata presa in completo accordo con mister Gaburro e la società è soddisfatta di aver nominato un nuovo DS come Mario, al quale auguro un felice e duraturo lavoro qui a Lecco. Ne approfitto per ribadire che mister Gaburro è straconfermato dalla società da ormai un paio di mesi e se dovesse decidere di continuare la sua avventura a Lecco, io e la Presidenza saremmo felici e soddisfatti; per quanto riguarda la mia, di permanenza,dovete invece chiedere al Presidente. Filucchi? Non ridete, ma ho fatto fatica a conscere anche solo il suo nome».

Spazio, poi, alle attese dichiarazioni di Tesini: «La proprietà vuole trovare la maniera più semplice per dare continuità ai risultati e all’ottimo lavoro svolto quest’anno. In questi giorni mi ambienterò, c’è già stato un piccolo confronto con Presidenza e allenatore, ma è ancora troppo presto per fare discorsi nel concreto. Il mio obiettivo sarà quindi quello di dare questa continuità al lavoro fatto dall’area tecnica. Con mister Gaburro mi conosco dai tempi dell’università e poi abbiamo intrapreso percorsi diversi, così come con il coordinatore Brambilla che ho conosciuto sui campi parecchi anni fa. È un piacere aver ritrovato entrambi a Lecco. Questo però è un lavoro dove le amicizie contano fino a un certo punto, perché è necessario alzare anche la voce quando c’è bisogno. Sicuramente conoscere già con chi si andrà a lavorare facilita il compito iniziale, ma poi bisogna essere capaci di prendersi le proprie responsabilità».

Che ne sarà della Calcio Lecco attuale? «Ci sono un gruppo e uno zoccolo duro sul quale vanno fatte le giuste valutazioni per ripartire. La Serie C ha un’altra cilindrata, perché il ritmo è diverso e si possono fare meno errori. A livello di rosa è necessaria una certa flessibilità perché gli orari delle partite sono sempre diversi e gli impegni ravvicinati. Anche a livello gestionale è importante che ognuno svolga il suo compito al meglio, con il rispetto dei ruoli».

Condividi questo articolo sui Social
.
.
.
.

Lecco Channel Web Radio

LECCO CHANNEL NEWS TV

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio