Seguici

Basket

«C’è delusione per la stagione, ma qualcosa di buono abbiamo fatto»

Il capitano bluceleste, a dieci giorni dal termine dei play-out, analizza con lucidità il campionato di Serie B concluso con la salvezza: «Le aspettative erano altre, ma quando contava abbiamo reagito»

Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Ora che la palla è ferma, a dieci giorni dalla salvezza ottenuta, si può guardare alla stagione del Basket Lecco con maggiore distacco e razionalità. La delusione è grande: partita con ambizioni di salto di categoria, la squadra bluceleste si è trovata a lottare con le unghie e con i denti per mantenere la Serie B. Nel mezzo, due cambi di allenatore e una chimica mai veramente vista sul campo.

È conscio di tutto questo il capitano Alberto Cacace, a nostro giudizio, pur nelle difficoltà, il migliore fra i blucelesti nell’ultimo scorcio di stagione. «Sicuramente le aspettative erano altre, lo sapevamo tutti – spiega – La stagione è partita col piede sbagliato, non abbiamo mai trovato l’amalgama che ci permettesse di convincere e infilare strisce positive, a parte una di cinque. Verso la fine della stagione è andata come è andata, con un pizzico di delusione per i play-out. C’è da dire però che i ragazzi in quell’occasione hanno reagito, per chiuderla con Lugo in tre partite. La risposta c’è stata: certo, tardiva, ma comunque qualcosa di buono è stato tirato fuori».

Basket Lecco: nel momento di difficoltà tutti hanno alzato il livello

Ora, a freddo, si può individuare cosa non ha funzionato in stagione? «Non saprei. È mancata l’unione tra squadra e allenatore (Paternoster, ndr), c’era un rapporto freddo, non è scattata la proverbiale scintilla. Poi abbiamo vissuto due cambi di allenatore, quindi non è stato semplice per noi affrontarla sotto il profilo psicologico. Non siamo stati al passo, sicuramente abbiamo molte colpe anche noi».

Alberto Cacace ha chiuso nei play-off con una media vicina alla doppia doppia punti-rimbalzi: in stagione il capitano vi è riuscito in sei occasioni. Quando contava, il n° 22 ha cercato di trascinare i compagni con grande abnegazione, soprattutto a livello difensivo. Si può dire che sia stata, nonostante tutto, la stagione della consacrazione? «Ringrazio per la stima, ma in questa settimana ho tirato le somme e devo dire di non essere soddisfatto della mia stagione – ammette, con modestia, Cacace – Certo, alla mia età (23, ndr) ritrovarsi a fare il capitano in Serie B non è stato semplice. Ho fatto buone cose, altre meno, ma se devo tirare le somme speravo in qualcosa di più, c’è stata troppa discontinuità».

Il futuro cosa riserverà? «È ancora presto per parlarne. Abbiamo due settimane di pausa, al termine delle quali vedremo».

Condividi questo articolo sui Social
.
.
.
.

Lecco Channel Web Radio

LECCO CHANNEL NEWS TV

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Basket