Seguici

Calcio

Suona la campanella del mercato

In odore di chiusura c’è la cessione di Ferdinando Mastroianni al Fiorenzuola, squadra impegnata nella lotta per non retrocedere. Le situazioni di Purro, Lora, Iocolano, Ganz, Nesta, Capoferri, Bianchimano, Plescia e Sarao

Ferdinando Mastroianni: su di lui c'è il Fiorenzuola BONACINA/LCN SPORT
Condividi questo articolo sui Social
Tempo di lettura 3 minuti

Lunedì 3 gennaio in casa Lecco scatta l’operazione calciomercato invernale, con chiusura fissata per lunedì 31 gennaio. Lo si ripete da tempo: si apre una sessione che non dovrebbe dar vita a degli stravolgimenti in casa bluceleste, ma durante la quale si dovrebbero concretizzare delle operazioni comunque importanti. Il ritorno in città del diesse Domenico Fracchiolla, tornato in città dopo un paio di settimane passate nella sua Puglia, aiuterà a velocizzare la chiusura di alcune trattative già impostate durante gli ultimi giorni del 2021. In tal senso la prima operazione ad andare verso la definizione totale è quella legata a Ferdinando Mastroianni, che ormai da tempo è finito nel mirino del Fiorenzuola e a breve dovrebbe diventare un nuovo giocatore della squadra rossonera, in piena bagarre salvezza.

Al “Pavesi” potrebbe trovare posto anche il centrocampista Ermes Purro, in questo caso con la formula del prestito, ma si registra più freddezza rispetto alla situazione che vede coinvolto l’attaccante calabrese. Rimane sulla lista dei possibili partenti il centrocampista Filippo Lora, ma fin qui senza richieste concrete anche perché in casa bluceleste si tiene conto delle voci legate a Patrizio Masini: se il Genoa, società proprietaria del cartellino, lo richiamasse alla base, la partenza del 28enne di complicherebbe. Niente di nuovo anche sul fronte Simone Iocolano, che il patron Di Nunno potrebbe lasciar partire per questioni principalmente economiche, o su quello di Simone Andrea Ganz, la cui partenza non è per niente scontata. Capitolo Mattia Tordini: per il giovane attaccante prelevato in estate, e legato fino al 30 giugno 2024, si registra l’interesse della Reggina, il Lecco è intenzionato a tenerselo fino almeno fino all’estate, sempre fatto salvo l’arrivo di un’offerta irrinunciabile.

In entrata

Sul fronte degli ingressi le necessità e i profili sono abbastanza delineati ormai da settimane: in prima fila ci mettiamo i ritorni di Gian Marco Nesta sulla fascia di destra (25 presenze, 3 assist), Mattia Capoferri su quella di sinistra (31 presenze, 1 gol); due elementi under di valore per rinforzare il battaglione, oggi più raggiungibili rispetto ai tentativi fatti in estate. E poi c’è il discorso dell’attaccante centrale da mettere a posto, soprattutto vista l’ormai quasi scontata partenza di Mastroianni verso l’Emilia: tra i nomi forti c’è quello di Andrea Bianchimano, “9” purissimo che a Perugia sta faticando a vedere il campo (3 presenze, 48′) dopo l’annata da protagonista in Serie C (32 partite, 8 gol e 2 assist): esploso all’Olginatese (2014/2015, 22 presenze e 5 gol a 18 anni), il centravanti di Carate Brianza tornerebbe anche a sentire l’aria di casa.

Non possono mancare le alternative: sul taccuino c’è il nome di Vincenzo Plescia dell’Avellino (14 presenze, 1 gol e 2 assist), messosi decisamente in luce principalmente con la maglia della Vibonese (2020/2021, 32 presenze, 11 gol e 2 assist). Ma si è tornati a parlare con insistenza di Manuel Sarao, che a Gubbio si è confermato in palla (18 presenze, 4 gol) ma non è mai uscito dal radar di Fracchiolla, intenzionato a riportarlo sulla riva orientale del Lario già durante l’estate dopo la bella esperienza della stagione 2012/2013 (23 presenze, 9 gol). Occhi aperti, perché il ritorno è tutt’altro che una chimera.

Condividi questo articolo sui Social

LECCO CHANNEL NEWS TV

Lecco Channel Web Radio

SEGUICI SU FACEBOOK

Altre notizie in Calcio